mercoledì 18 gennaio 2012

Maurizio Crozza





Si diploma nel 1980 alla Scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova, prosegue la sua carriera con il Teatro dell'Archivolto di Genova dove forma, insieme agli altri attori, il gruppo cabarettista genovese Broncoviz, di cui facevano parte anche gli attori Ugo Dighero, Marcello Cesena, Mauro Pirovano e Carla Signoris.
Acquisisce popolarità in televisione in programmi satirici di Rai 3 come Avanzi e Tunnel, nella trasmissione Hollywood Party nel 1995 e nei programmi della Gialappa's Band. Nel 1995 avviene l'esordio come attore cinematografico, come co-protagonista, nel film Peggio di così si muore di Marcello Cesena a cui fa seguito, nel 1999, Tutti gli uomini del deficiente, di Paolo Costella da un soggetto della Gialappa's Band.
Le stagioni 2001/2002, 2002/2003, 2003/2004 vedono Crozza come comico e trasformista di punta nelle trasmissioni Quelli che... il calcio e La grande notte del lunedì sera, presentate entrambe da Simona Ventura. Nel 2002 appare nella sesta e ultima puntata di Stasera pago io... in euro, programma televisivo condotto da Fiorello su Rai 1. Dopo due anni guadagnerà lo stesso ruolo sul palco di Sanremo, nel festival di Tony Renis.
Nel 2005 ritorna al teatro con il monologo Ognuno è libero, nel quale dimostra le sue capacità di imitatore e comico. Lo stesso anno Adriano Celentano lo vuole nel suo programma Rockpolitik. Il 25 aprile 2006, esordisce come show man in un nuovo programma, del quale è anche autore, Crozza Italia, su LA7. Nel novembre dello stesso anno viene criticato dal quotidiano L' Avvenire nonché da esponenti del mondo cattolico, a causa della sua imitazione del Papa all'interno della trasmissione.
Dal 2007 cura e interpreta stabilmente la copertina del programma Ballarò su Rai 3. Nel giugno 2009 il suo show, che sarebbe dovuto ripartire nell'autunno dello stesso anno, viene rimandato al 18 aprile 2010 col titolo Crozza Alive. Il 20 maggio 2011 Crozza riparte su LA7, col programma di satira: Italialand. Da venerdì 21 ottobre 2011 riprende il suo show con il titolo Italialand - Nuove Attrazioni. Il programma andrà in onda per dieci settimane ogni venerdì sera.

Imitazioni

Tra i personaggi famosi imitati nel corso della sua carriera si ricordano Angela Merkel, Serse Cosmi, Antonino Zichichi, Arrigo Sacchi, José Altafini, Fatih Terim, Franco Scoglio, Luciano Pavarotti, Carmelo Bene, Don Vito Corleone, Nino D'Angelo, Mahmud Ahmadinejad, Papa Benedetto XVI, George W. Bush, Marco Pannella, Alan Friedman, Gigi Marzullo, Francesco Guccini, Walter Veltroni, Carlo Taormina (nei panni del Mago di Taormina), Candido Cannavò, Massimiliano Fuksas (nei panni dell'architetto Massimiliano Fuffas), il senatore Renato Brunetta, il segretario del PD Pier Luigi Bersani, il presidente di Banca Mediolanum Ennio Doris, Milena Gabanelli, Roberto Giacobbo, José Mourinho, Umberto Bossi (nei panni di Re Umberto e Forrest Bossi), Sergio Marchionne, Matteo Renzi, Niccolò Ghedini (nei panni di Ghedinello), Angela Merkel, Luca Cordero di Montezemolo, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, Gianni Letta, Silvio Berlusconi, Mario Monti, Gianfranco Rotondi, Vasco Rossi e Lucio Battisti (con una cover di Pensieri e parole a Italialand).

Vita privata

Dal 1992 è sposato con l'attrice Carla Signoris, da cui ha avuto due figli, Giovanni e Pietro, che hanno debuttato nell'edizione 2010 di Crozza Alive.
È tifoso della Sampdoria.

Nessun commento:

Posta un commento